CHIUDI X
STAI LASCIANDO IL SITO MULTICENTRUM
Prosegui
CHIUDI X
STAI LASCIANDO IL SITO MULTICENTRUM
Prosegui

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando autorizzi l’impiego dei cookie. Per ulteriori informazioni, clicca qui

OK

L'alimentazione bilanciata dello sportivo

L'alimentazione bilanciata dello sportivo
Fare sport fa bene. Tutti gli esperti concordano su questo fatto, a patto che l’esercizio fisico sia commisurato alla propria età e alle proprie condizioni fisiche.
 
L’attività fisica permette infatti di tenere allenato il sistema muscolo-scheletrico e quello circolatorio, regalando, oltre che il benessere fisico anche quello psicologico. Non è un caso che già i latini predicassero il motto “mens sana in corpore sano”!
 
Per poter ottenere il massimo risultato da un’adeguata attività fisica, anche l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale.
 
L’esercizio fisico, infatti, sia esso ad alto impatto come il body building che più “dolce” come il fitness, comporta un determinato dispendio energetico, di proteine, zuccheri, grassi e acqua
 
Tutti questi elementi vanno reintegrati nelle giuste dosi con l’alimentazione. Questo è vero anche per le vitamine e per i sali minerali che si perdono in grandi quantità attraverso la sudorazione, processo fisiologico che permette la termoregolazione del corpo, sensibilmente accentuato quando si pratica sport.
 
La reintegrazione di tutti i nutrienti è importante sia per la “ricostruzione” delle parti “consumate” durante l’esercizio fisico, sia per favorire l’ottimizzazione delle reazioni chimiche cellulari che portano ad un corretto consumo energetico e ad un consumo delle riserve adipose accumulate.
 
La perdita di peso, qualora sia uno degli obiettivi dell’attività fisica, passa infatti anche attraverso l'assunzione della corretta quantità e tipologia di macro e micronutrienti che catalizzino tutti i processi fisiologici dell’organismo.
 
Per questo, sono da evitare diete o regimi alimentari “fai da te” che escludono uno o più alimenti, perché potrebbero limitare o impedire specifici processi del nostro organismo e, nel lungo periodo, essere molto pericolosi per la salute.