CHIUDI X
STAI LASCIANDO IL SITO MULTICENTRUM
Prosegui
CHIUDI X
STAI LASCIANDO IL SITO MULTICENTRUM
Prosegui

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando autorizzi l’impiego dei cookie. Per ulteriori informazioni, clicca qui

OK

Correre per stare bene e in forma

Correre per stare bene e in forma
L’attività fisica moderata e costante è una sorta di “panacea” che può contribuire a combattere molti dei malesseri del nostro tempo.
 
Correre, ad esempio, permette di sfogare lo stress accumulato dopo una giornata di lavoro, permette di riordinare le idee e di consumare una quota di calorie utile a non ingrassare.
 
La corsa, inoltre, può anche contribuire a ridurre il rischio di alcune patologie croniche e ad alta incidenza, tipiche dei paesi industrializzati, come le malattie cardiovascolari, l’obesità e il diabete.
 
Il movimento costante e di media intensità dovuto alla corsa permette, infatti, di tenere allenato il sistema cardiocircolatorio e di consumare energie che diversamente si trasformerebbero in riserve di grasso.
 
Inoltre, la corsa contribuisce ad aumentare la capacità vitale dei polmoni e il massimo volume respiratorio, migliorando anche l'ossigenazione dei tessuti.
 
Alcune ricerche americane hanno persino evidenziato che correre per 45 minuti al giorno, 5 volte a settimana per 6 mesi, aumenta il valore del colesterolo “buono” HDL del 14-15% e porta a una diminuzione dei trigliceridi. A questo si aggiunga che, come la maggior parte delle attività fisiche, anche la corsa determina la produzione di endorfine, cioè di ormoni del benessere, che faranno percepire una sensazione di rilassato piacere, anche se dopo una discreta fatica.
 
Stanchi e felici, quindi, dopo una corsetta, a patto che si seguano alcune piccole accortezze. È bene, innanzitutto, approcciare la corsa gradualmente e in misura compatibile con le proprie condizioni fisiche. Iniziare con pochi minuti al giorno, per poi aumentare pian piano tempo, distanza e velocità dell’allenamento.
 
Ricordarsi di fare esercizi di stretching prima e dopo la corsa e correre in modo adeguato. Ciò significa avere scarpe adatte che attutiscano l’impatto del piede sul suolo ed evitare di correre sull’asfalto, preferendo percorsi in terra battuta. Molto importanti anche l’alimentazione e l’idratazione.
 
Correre richiede energie e fa sudare. Quindi è bene non farlo a stomaco vuoto, ma dopo almeno 2 ore da un pranzo, ed è importantissimo avere con sé acqua o bevande contenenti integratori di sali minerali, questi ultimi specialmente se fa molto caldo e se la sudorazione è cospicua.
 
Fonte: Carla Consoni, “L’esercizio fisico, domande e risposte”, collana Medicina dello sport, Il pensiero Scientifico Editore, 2003