CHIUDI X
STAI LASCIANDO IL SITO MULTICENTRUM
Prosegui
CHIUDI X
STAI LASCIANDO IL SITO MULTICENTRUM
Prosegui

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando autorizzi l’impiego dei cookie. Per ulteriori informazioni, clicca qui

OK

L'obesità causa il mal di schiena

L'obesità causa il mal di schiena
Essere in forma, significa anche avere un giusto rapporto tra peso e altezza. I medici traducono questo rapporto nel cosiddetto “indice di massa corporea” che indica se un soggetto è sottopeso, normopeso, sovrappeso oppure obeso.
 
L’obesità può determinare numerose problematiche: a un peso troppo elevato si associano spesso patologie cardiovascolari, diabete, problemi articolari e ossei.
 
Pesare troppo insomma significa essere a rischio di mal di schiena, mettendo a dura prova la colonna vertebrale non solo negli adulti (specialmente negli anziani), ma anche e soprattutto nei bambini e negli adolescenti, quando lo scheletro si sta ancora formando.
 
Questo è quanto emerso da una ricerca del Children’s Hospital di New York, che ha messo in relazione condizioni di mal di schiena con il peso di quasi 200 soggetti tra i 12 e i 20 anni.
 
I risultati parlano chiaro: le alterazioni ai dischi intervertebrali, una sorta di ammortizzatori inseriti tra una vertebra e l’altra che evitano lo sfregamento tra le vertebre stesse e la compressione dei nervi che dipartono dalla colonna, hanno un’incidenza doppia nei ragazzi sovrappeso rispetto a quelli di peso normale o sottopeso.
 
Cosa fare dunque per evitare conseguenze dannose per la schiena?
 
Prima di tutto, se si è in sovrappeso, valutare con il proprio medico l'eventualità di una dieta dimagrante.
 
Poi seguire uno stile di vita sano che comprenda una corretta alimentazione e la pratica di un'attività fisica che favorisca la mobilità della spina dorsale (ad esempio nuoto, yoga o pilates).
 
L'alimentazione deve essere equilibrata tra carboidrati, proteine e grassi. La dieta mediterranea è l'ideale perché a base di carboidrati, frutta, verdura, olio extravergine d’oliva, quantità moderate di proteine, molto pesce (meglio se azzurro perché ricco di acidi grassi Omega 3 e Omega 6) e pochi grassi.
 
Fonte: Studio del Children's Hospital at Montefiore di New York, presentato al congresso annuale della Radiological Society of North America di Chicago