CHIUDI X
STAI LASCIANDO IL SITO MULTICENTRUM
Prosegui
CHIUDI X
STAI LASCIANDO IL SITO MULTICENTRUM
Prosegui

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando autorizzi l’impiego dei cookie. Per ulteriori informazioni, clicca qui

OK

Le proprietà della vitamina c per le ossa

Le proprietà della vitamina c per le ossa
Conosciuta per le sue proprietà di mantenimento del sistema immunitario, la Vitamina C è importante per mantenere la normale funzione delle ossa
 
La Vitamina C, infatti, è anche funzionale alla produzione di collagene, il principale costituente della parte fibrosa dell’osso e delle cartilagini, e per permettere il corretto sviluppo osseo. 
 
Alcuni ricercatori americani hanno quindi pensato di verificare se un’elevata assunzione di Vitamina C permetta di contrastare la perdita di densità ossea negli anziani. Per questo è stata valutata la densità ossea di circa 600 persone sopra i 75 anni in relazione alla quantità di Vitamina C assunta per un anno. 
 
I risultati sono stati piuttosto chiari: nei maschi, all’aumentare del consumo di Vitamina C diminuiva la perdita di densità ossea, mentre nelle donne non è stata rilevata una correlazione diretta tra Vitamina C e salute delle ossa, probabilmente a causa di un’interazione della vitamina con gli estrogeni. 
 
La Vitamina C può essere assunta attraverso l’alimentazione grazie ad alcuni cibi che ne contengono significative quantità. Tra questi i vegetali a foglia verde, i peperoni, i pomodori, i kiwi e gli agrumi
 
È bene ricordare che la Vitamina C può perdere velocemente le proprie caratteristiche con l’ossidazione, ossia con il contatto con l’aria e soprattutto con la cottura. Al fine di preservarla, dunque, è bene consumare velocemente bevande ed alimenti che la contengono e cucinarle con metodiche di cottura più rapide possibili. 
 
Fonte: Katherine L. Tucker, PhD, senior scientist and director, Dietary Assessment and Epidemiology Research Program, Jean Mayer USDA Human Nutrition Research Center on Aging at Tufts University, Boston. Journal of Nutrition, October 2008; vol 138: pp. 1931-1938.