CHIUDI X
STAI LASCIANDO IL SITO MULTICENTRUM
Prosegui
CHIUDI X
STAI LASCIANDO IL SITO MULTICENTRUM
Prosegui

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando autorizzi l’impiego dei cookie. Per ulteriori informazioni, clicca qui

OK

Vitamine per la salute degli occhi

Vitamine per la salute degli occhi
Gli occhi sono lo specchio della salute. Molte volte infatti problemi di salute, anche lievi come un periodo di stress, possono dare manifestazioni anche a livello oculare come, ad esempio, arrossamenti e momentanei cali di vista.
 
Molti problemi agli occhi possono poi avere origine da carenze nutrizionali, specialmente di vitamine o sali minerali e, conseguentemente, possono essere prevenuti grazie a una dieta varia e ricca di elementi nutrizionali preziosi per la vista.
 
Per questo frutta e verdura, principali fonti di vitamine e sali minerali, aiutano a mantenere gli occhi in salute. Gli esperti raccomandano di mangiare molta frutta e verdura, soprattutto varia e di stagione, un’abitudine da insegnare ai bambini sin dalla tenera età, così che gli occhi mantengano a lungo la loro piena funzionalità.
 
Tra le numerose vitamine amiche della vista, si ricorda la Vitamina A, che può essere assunta come tale attraverso alimenti come fegato, latticini, uova e pesce, oppure come precursori, cioè molecole che l’organismo trasforma in Vitamina A, chiamati carotenoidi. Questi ultimi si ritrovano soprattutto nella frutta di colore giallo-arancio, ma anche nei broccoli e nelle verdure a foglia verde; la Vitamina B è presente in alimenti come il fegato, le verdure a foglia verde, i legumi e le uova.
 
Ancora, la Vitamina E è contenuta nei semi e negli oli da questi derivati, i cereali, la frutta e la verdura. Purché siano consumati possibilmente senza cottura che diminuisce il contenuto di questa vitamina.
 
Tra i micronutrienti, ricordiamo lo Zinco, il quale è presente in elevata concentrazione nelle ostriche, nei cereali per la prima colazione, nel fegato bovino, nel lievito di birra e nel cioccolato fondente.
 
Fonte: Almanacco della Nutrizione, Gayla J. Kirschmann e John D. Kirshmann