Alimenti che contengono vitamine e sali minerali

Le vitamine e i minerali sono micronutrienti che giocano un ruolo fondamentale per l’ottimale funzionamento dell’organismo. Essi concorrono infatti al corretto funzionamento di ogni singola cellula – del cuore, dei muscoli, delle ossa, del cervello, del fegato, della pelle ecc. – che si traduce nella salute di tutti gli organi e, quindi, in uno stato di benessere complessivo.
 
Differentemente da altri elementi essenziali per mantenersi in piena salute – come la maggior parte degli aminoacidi, degli zuccheri e dei grassi – vitamine e minerali non possono essere prodotti attraverso le reazioni chimiche che avvengono nel nostro corpo, ma devono essere assunti con l’alimentazione.
 
Tutti i cibi contengono vitamine e minerali, i carboidrati (come pasta e pane) e le proteine (come carne, pesce e legumi) anche se in modo differente in qualità e quantità a seconda dello specifico alimento considerato. Proprio per questo, un’alimentazione varia e completa è fondamentale per garantire un adeguato apporto di vitamine e minerali.
 
Le principali fonti di vitamine e minerali sono frutta e verdura, che contribuiscono ad apportare all’organismo anche una significativa quota di acqua e di fibre alimentari.
 
Per conoscere le principali vitamine e minerali presenti in frutta e verdura è utile fare riferimento ai colori: i vegetali di colore verde come broccoli e spinaci contengono Vitamine A, B6, B9, C, Ferro, Calcio e Magnesio; il rosso di fragole, ciliegie, pomodori e mele è sinonimo di Vitamine A e C, Potassio e Magnesio; il giallo ed arancio, tipico di carote, pesche, albicocche, arance ed agrumi in genere, indicano che in questi alimenti si trova una grande ricchezza di Vitamine C, B1, B6 e Ferro; infine frutta e verdura di colore blu e viola – frutti di bosco, uva, melanzane, prugne – contengono fra l’altro, Vitamine A, C e K e minerali come Calcio, Magnesio, Ferro, Potassio e Manganese.

Come integrare la carenza di vitamine

La carenza di alcuni elementi nutritivi può essere dannosa, specialmente se prolungata nel tempo. Questo vale sia per i macronutrienti che per i micronutrienti come vitamine e sali minerali. La carenza di vitamine può essere dovuta a fattori molteplici e differenti tra loro.
 
Prima tra tutti un’alimentazione sbilanciata o, peggio, errata. Responsabili, spesso, le diete “fai da te” post abbuffate natalizie o pre prova costume, che pur di far ridurre il peso corporeo in pochissimo tempo, eliminano in toto alcune classi di alimenti, mettendo a repentaglio la salute.
 
Carenze vitaminiche possono essere determinate anche da particolari attività, che portano all’utilizzo/degradazione di specifici micronutrienti, a fronte delle quali non si ricorre ad un’adeguata compensazione.
 
Un’importante attività sportiva ad esempio, molto prolungata nel tempo o ad alta intensità in termini di sforzo, determina un significativo utilizzo di minerali quali il Calcio, il Sodio e il Potassio: questi minerali infatti entrano in gioco nella trasmissione dell’impulso nervoso che "comunica" al muscolo di contrarsi e nell’attività stessa di contrazione delle fibre muscolari. Non solo.
 
L’ipovitaminosi può essere causata anche da stress, inquinamento ed errate nonché pericolose abitudini quali fumo, abuso di alcol e caffè, oltre che dall’assunzione di alcuni farmaci.